vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

...

Numero Atti: 64443

Ultima Gazzetta Ufficiale del: 01 giugno 2020

Ultima Modifica: 04 giugno 2020

servizio rss

Dettaglio atto

torna ai risultati STAMPA STAMPA Atto completo Atto completo ARTICOLI ARTICOLI

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Decreto 14 ottobre 2009

Progetti attuativi del Piano sanitario nazionale e linee guida per l'accesso al cofinanziamento alle regioni e alle province autonome di Trento e Bolzano - Anno 2009. (10A00796)

(G.U. Serie Generale , n. 21 del 27 gennaio 2010)

										 
IL VICE MINISTRO Vista la delega conferita con decreto del Ministro del lavoro, salute e politiche sociali del 20 maggio 2009, allegato al d.P.R. del 21 maggio 2009 al vice Ministro prof. Ferruccio Fazio; Visto l'art.117, comma 2 lett. m) della Costituzione che attribuisce allo Stato la competenza di determinare i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale ed il comma 3 che individua tra la materie di legislazione concorrente la tutela della salute; Visto il Piano sanitario nazionale 2006-2008, approvato con decreto del Presidente della Repubblica del 7 aprile 2006, che individua gli obiettivi da raggiungere per attuare la garanzia costituzionale del diritto alla salute e degli altri diritti sociali e civili in ambito sanitario e che prevede che i suddetti obiettivi si intendono conseguibili nel rispetto dell'Accordo del 23 marzo 2005, ai sensi dell'art. 1, comma 173 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 e nei limiti e in coerenza con le risorse programmate nei documenti di finanza pubblica per il concorso dello Stato al finanziamento del SSN; Visto l'intesa sancita dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano il 23 marzo 2005 (repertorio atti n. 2271) pubblicata nel S.O. n. 83 alla Gazzetta Ufficiale n. 105 del 7 maggio 2005; Visto il Protocollo d'intesa tra Governo, regioni e province autonome di Trento e Bolzano sul «Patto per la Salute» del 28 settembre 2006; Visto il decreto-legge 18 settembre 2001, n. 347, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2001, n. 405 che all'art. 6 ha previsto la definizione, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da adottare entro il 30 novembre 2001, dei livelli essenziali di assistenza, ai sensi dell'art. 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni; Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001 e successive modificazioni ed integrazioni per la definizione dei livelli essenziali di assistenza; Visto la legge 27 dicembre 2006, n. 296 «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato» (legge finanziaria 2007), che, all'art. 1, comma 805, istituisce, per il triennio 2007-2009 un Fondo per il cofinanziamento di progetti attuativi del piano sanitario nazionale, al fine di rimuovere gli squilibri sanitari connessi alla disomogenea distribuzione registrabile tra le varie realta' regionali nelle attivita' realizzative del piano sanitario nazionale; Visto la legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) che, all'art. 2, comma 374, nel riconfermare per gli anni 2008-2009 lo stanziamento di 60,5 milioni di euro all'anno gia' previsto dall'art. 1, comma 806 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, modifica ed integra le linee progettuali prioritarie ai fini del cofinanziamento dei progetti regionali; Visto il D.M. 10 luglio 2007 «Linee guida per l'accesso al cofinanziamento alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano»; Visto il D.M. 23 dicembre 2008 «Linee guida per l'accesso al cofinanziamento alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano. Anno 2008»; Visto le Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti «Modalita' organizzative per garantire l'assistenza sanitaria in h24: riduzione degli accessi impropri nelle strutture di emergenza e miglioramento della rete assistenziale territoriale» inoltrate con nota del 11 maggio 2009 a firma del Vice Ministro a tutte le Regioni e Province autonome; Considerato l'interesse del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali per lo sviluppo di modelli organizzativi diversificati e ad alta flessibilita', adattabili ai diversi contesti territoriali e diretti a piu' stringenti ed efficaci integrazioni professionali; Considerato altresi' che da tali modelli dovrebbe discendere una risposta tempestiva ed efficace alla domanda dell'utenza, alleggerendo nel contempo la pressione sulle strutture di pronto soccorso; Considerato che, non essendo stato ancora approvato il piano sanitario nazionale 2009 - 2011, occorre fare riferimento al piano sanitario nazionale 2006 - 2008; Considerato che il PSN 2006-2008 vede impegnati lo Stato e le regioni in azioni concertate e coordinate che possono generare programmi specifici nella realizzazione di attivita' finalizzate a promuovere e tutelare lo stato di salute dei cittadini; Considerato che il PSN assume la necessita' che lo Stato e le regioni si impegnino in una cooperazione sinergica per individuare le strategie condivise al fine di superare le disuguaglianze ancora presenti in termini di risultati di salute, di accessibilita' e di promozione di una sempre maggiore qualita' dei servizi, nel rispetto delle autonomie regionali e delle diversita' territoriali; Considerato che nell'attuale quadro di federalismo sanitario, il PSN indica la necessita' che Governo e Regioni concordino linee di indirizzo perche' le strategie individuate possano declinarsi in programmi attuativi, nel rispetto delle autonomie regionali e delle diversita' territoriali Decreta: Art. 1 L'accesso al fondo di cofinanziamento per l'anno 2009 dei progetti attuativi del piano sanitario nazionale di cui all'art. 2, comma 374 della legge n. 244/2007 (legge finanziaria 2008) e' consentito alle regioni e alle province autonome di Trento e Bolzano che presentino, con riferimento alle materie di cui al citato comma 374, progettualita' specifiche per singole linee progettuali coerenti con le linee indicate negli allegati A, B e C che costituiscono parte integrante del presente decreto.

Articoli: