vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:53861
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 23 agosto 2016 Ultima Modifica: 24 agosto 2016
servizio rss

Dettaglio atto

Ministero della Salute

Ordinanza 14 aprile 2011

Ordinanza contingibile ed urgente relativa alla tutela delle persone maggiormente sensibili agli effetti delle ondate di calore - anno 2011 (11A06150)

(G.U. Serie Generale , n. 114 del 18 maggio 2011)

							 
IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833; Visto l'art. 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112; Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante il codice in materia di protezione dei dati personali; Considerato che condizioni meteorologiche stagionali, caratterizzate da un anomalo innalzamento delle temperature e dei tassi di umidita', rendono necessario intervenire con tempestivita' su tutto il territorio nazionale al fine di attivare adeguati interventi, preventivi e assistenziali, necessari per prevenire gravi danni alla salute delle categorie piu' esposte ed, in particolare, delle persone anziane che versano in condizioni di difficolta' fisiche, socioeconomiche o in solitudine; Considerato che le conoscenze scientifiche oggi disponibili dimostrano che le prime ondate di calore sono quelle che determinano un maggiore impatto sulla mortalita'; che l'efficacia degli interventi di prevenzione dei danni individuali alla salute delle persone si fonda soprattutto sull'identificazione dei soggetti, che per eta', caratteristiche sanitarie e sociali, sono maggiormente suscettibili agli effetti nocivi delle ondate di calore, e sull'offerta attiva a tali soggetti a rischio elevato, delle attivita' e dei servizi sanitari e sociali disponibili sul territorio; Ravvisata la necessita' di disporre con sufficiente anticipo, rispetto al verificarsi delle condizioni di emergenza, di idonee informazioni sanitarie e sociali per la costruzione. l'aggiornamento cd l'utilizzo di anagrafi regionali e locali della «popolazione suscettibile»; Considerata la necessita' di valutare continuamente gli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone piu' a rischio e l'efficacia degli interventi di prevenzione messi in atto, attraverso l'attivazione di validi sistemi di sorveglianza epidemiologica, al fine di garantire un aggiornamento costante dei programmi di intervento; Ritenuta la necessita' che, per la predetta finalita' di pubblica utilita', i servizi sanitari regionali e le aziende sanitarie locali si avvalgano della facolta' di acquisire ed utilizzare dalle anagrafi comunali della popolazione residente elenchi di tutte le persone di eta' pari o superiore ad anni sessantacinque. senza acquisire il loro consenso ai sensi degli articoli 18, comma 4 e 19, comma 3 del sopracitato codice in materia di protezione dei dati personali; Rilevato che le ulteriori iniziative di sostegno e assistenza prestate in particolare in favore di soggetti bisognosi o non autosufficienti o incapaci, ivi compresi i servizi di assistenza economica o domiciliare, di telesoccorso, accompagnamento e trasporto, sono individuate come attivita' di rilevante interesse pubblico ai sensi dell'art. 73, comma 1, lettera b) del sopraccitato codice in materia di protezione dei dati personali; Tenuto conto che questo Ministero ha elaborato, aggiornato e diffuso apposite linee guida per promuovere la messa a punto di piani locali di sorveglianza e risposta verso gli effetti sulla salute delle ondate di calore; Considerato che a tal fine si rende indispensabile e urgente effettuare con immediatezza una iniziativa straordinaria e organica allo scopo di conoscere l'esatta entita', quantitativa e qualitativa dei soggetti beneficiari degli interventi medesimi; Ritenuti sussistenti i presupposti di contingibilita' ed urgenza per provvedere nei termini indicati; Ordina: Art. 1 1. Ai fini della pianificazione, organizzazione, gestione e valutazione dei programmi di emergenza per la prevenzione degli effetti sulla salute delle ondate di calore, con particolare riferimento alla organizzazione e gestione delle «anagrafi della fragilita'» e dei sistemi di sorveglianza epidemiologica, le amministrazioni comunali trasmettono alle aziende unita' sanitarie locali gli appositi elenchi della popolazione residente di eta' pari o superiore ad anni sessantacinque, iscritti nelle anagrafi della popolazione residente, aggiornati alla data del 1° aprile ed i successivi aggiornamenti con periodicita' definita da ciascuna regione. 2. Le aziende unita' sanitarie locali, avvalendosi dei dati di cui al comma 1 e di altri dati ritenuti idonei a individuare le persone interessate, intraprendono in collaborazione con la Protezione civile ogni opportuna iniziativa volta a prevenire e a monitorare danni gravi ed irreversibili a causa delle anomale condizioni climatiche legate alla stagione estiva, specie in favore di persone piu' suscettibili agii effetti alle ondate di calore per condizioni di eta', salute, solitudine e fattori socio ambientali. 3. Le amministrazioni comunali provvedono analogamente, anche attraverso servizi di assistenza economica o domiciliare, di telesoccorso, di accompagnamento e di trasporto.
Articoli:
Torna su