vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:61746
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 23 maggio 2019 Ultima Modifica: 24 maggio 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Legge 12 agosto 1993 , n. 301

Norme in materia di prelievi ed innesti di cornea.

(G.U. Serie Generale , n. 192 del 17 agosto 1993)

									
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la seguente legge: Art. 1. A s s e n s o 1. La donazione delle cornee e' gratuita. E' consentito il prelievo delle cornee da cadavere quando si sia ottenuto l'assenso del coniuge non legalmente separato o, in mancanza, dei figli se di eta' non inferiore a 18 anni o, in mancanza di questi ultimi, dei genitori, salvo che il soggetto deceduto non abbia in vita manifestato per iscritto il rifiuto alla donazione. 2. Per gli interdetti e per i minorenni l'assenso e' espresso dai rispettivi rappresentanti legali. ((1)) ------------- AGGIORNAMENTO (1) La L. 1 aprile 1999, n. 91 ha disposto (con l'art. 27, comma 2) che "L'articolo 1 della legge 12 agosto 1993, n. 301, e' abrogato a decorrere dalla data di cui all'articolo 28, comma 2". Ha inoltre disposto (con l'art. 28, comma 2) che "Le disposizioni previste dall'articolo 4 acquistano efficacia a decorrere dalla data di attivazione del sistema informativo dei trapianti di cui all'articolo 7".
                               Art. 2.
         Accertamento della morte mediante mezzi strumentali
  1.  Il prelievo di cui all'articolo 1 puo' essere effettuato previo
accertamento della morte per arresto cardiaco irreversibile.
  2. La morte per arresto cardiaco irreversibile e' accertata,  nelle
strutture sanitarie pubbliche e private nonche' a domicilio, mediante
rilievo  grafico  continuo dell'elettrocardiogramma protratto per non
meno di venti minuti primi.
  3. Il medico che dichiara la morte  e'  tenuto  a  darne  immediata
comunicazione  al  piu'  vicino centro di riferimento per gli innesti
corneali di cui all'articolo 4.
                               Art. 3.
   Disposizioni particolari per i prelievi e gli innesti di cornea
  1.  Le  operazioni  di  prelievo  della cornea sono effettuate, nel
rispetto della salma, nelle strutture sanitarie pubbliche  e  private
nonche' a domicilio, da parte di personale medico.
  2.  Gli innesti di cornea sono effettuati nelle strutture sanitarie
pubbliche e private. Per tali  operazioni  non  e'  richiesta  alcuna
autorizzazione particolare.
                               Art. 4.
           Centri di riferimento per gli innesti corneali
  1.  Le  regioni,  singolarmente  o  d'intesa  tra  loro, provvedono
all'organizzazione, al funzionamento ed al controllo  dei  centri  di
riferimento per gli innesti corneali regionali o interregionali.
  2. I centri di cui al comma 1 svolgono i seguenti compiti:
    a) informazione e propaganda sul territorio;
    b) organizzazione dei prelievi di cornea;
    c) deposito e conservazione delle cornee;
    d)  esame,  selezione,  eventuale  trattamento  e  consegna delle
cornee;
    e) promozione degli innesti corneali;
    f) promozione della ricerca.
                               Art. 5.
                         Disposizione finale
  1.  E'  abrogata  ogni  disposizione  in  contrasto con la presente
legge.
  La presente legge, munita del sigillo dello Stato,  sara'  inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
   Data a Pian di Cansiglio, addi' 12 agosto 1993
                              SCALFARO
                                  CIAMPI,  Presidente  del  Consiglio
                                  dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: CONSO
Torna su