vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:61065
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 18 febbraio 2019 Ultima Modifica: 21 febbraio 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Ministero della Sanità

Decreto 01 febbraio 1991

Rideterminazione delle forme morbose che danno diritto all'esenzione dalla spesa sanitaria.

(G.U. Serie Generale , n. 32 del 07 febbraio 1991)

							 
IL MINISTRO DELLA SANITA' Visto l'art. 5, comma 3, della legge 29 dicembre 1990, n. 407, che demanda al Ministro della sanita' di rideterminare, anche in deroga a precedenti disposizioni legislative, le forme morbose in riferimento alle patologie croniche ed acute, che danno diritto all'esenzione dal pagamento delle quote di partecipazione alla spesa sanitaria, individuando altresi' le modalita' per il riconoscimento delle patologie stesse; Visto il decreto del Ministro della sanita' del 24 maggio 1989, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 122 del 27 maggio 1989, concernente la individuazione delle forme morbose che danno diritto all'esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria e loro ambito di applicazione; Visto il decreto del Ministro della sanita' del 10 aprile 1990, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 107 del 10 maggio 1990, di integrazione al decreto ministeriale del 24 maggio 1989; Visto l'art. 11 del decreto-legge 12 settembre 1983, n. 463, convertito, con modificazioni, nella legge 11 novembre 1983, n. 638; Visti i pareri espressi dal Consiglio superiore di sanita' nelle sedute del 7 e del 20 novembre 1990; Sentite le competenti commissioni igiene e sanita' del Senato e affari sociali della Camera dei deputati; Decreta: Art. 1. I soggetti affetti dalle forme morbose sotto elencate sono esentati dal pagamento delle quote di partecipazione alla spesa per l'assistenza farmaceutica, limitatamente ai farmaci prescrivibili a carico del Servizio sanitario nazionale di seguito indicati per ciascuna patologia, salvo ulteriori rideterminazioni in presenza di eventuali nuove acquisizioni terapeutiche: 1) affezioni dell'apparato cardiovascolare nel corso di trattamenti che richiedono un permanente monitoraggio dei fattori della coagulazione: limitatamente ai farmaci che interferiscono con la coagulazione stessa; 2) angioedema ereditario: limitatamente all'emoderivato specifico C1 inattivatore; 3) artrite reumatoide: limitatamente ai farmaci immunomodulatori e sali d'oro ed ai trattamenti intra-articolari; 4) dermatomiosite: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 5) lupus eritematoso-sistemico: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 6) sclerosi sistemica progressiva: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 7) sclerosi multipla: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 8) immunodeficienze congenite: limitatamente ad antibiotici, gammaglobuline e ormoni timici; 9) pemfigo e penfigoidi: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 10) psoriasi pustolosa grave: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 11) emoglobinopatie ed altre anemie congenite: limitatamente al sangue trasfuso; 12) glaucoma: limitatamente ai farmaci attivi sull'ipertono oculare; 13) insufficienza renale cronica in trattamento dialitico: limitatamente alle terapie delle complicanze del trattamento dialitico; 14) insufficienza respiratoria cronica in ossigenoterapia a lungo termine: limitatamente agli antibiotici nelle fasi di riacutizzazione; 15) ipertensione arteriosa resistente alle misure generali di ordine igienico e dietetico: limitatamente ai farmaci antipertensivi; 16) miastenia grave: limitatamente ai farmaci immunosoppressori; 17) morbo di Hansen: limitatamente ai farmaci per la terapia antibatterica specifica; 18) T.B.C. attiva bacillifera: limitatamente ai farmaci antitubercolari; 19) diabete insipido: limitatamente agli ormoni ipofisari; 20) diabete mellito: limitatamente agli ipoglicemizzanti orali ed insulina; 21) nanismo ipofisario, sindrome di Turner ed altre endocrinopatie congenite: limitatamente agli ormoni carenti; 22) neoplasie: limitatamente ai farmaci destinati al controllo della crescita neoplastica e delle complicanze ad esse correlate; 23) psicosi: limitatamente ai farmaci neurolettici e psicoattivi; 24) sindrome e morbo di Parkinson: limitatamente agli antiparkinsoniani; 25) spasticita' da cerebropatia: limitatamente ai miorilassanti; 26) fibrosi cistica del pancreas: limitatamente al trattamento antibiotico e agli enzimi pancreatici ad alto dosaggio; 27) cirrosi epatica scompensata: limitatamente alle proteine plasmatiche; 28) rettocolite ulcerosa e morbo di Crohn: limitatamente a steroidi, antibiotici, sulfasalazina, mesalazina; 29) trapianto di organo: limitatamente alla terapia immunodepressiva; 30) infezioni sintomatiche da HIV limitatamente ai trattamenti profilattici e terapeutici previsti da protocolli stabiliti in sede ospedaliera.
Articoli:
Torna su