vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:61701
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 21 maggio 2019 Ultima Modifica: 22 maggio 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Decreto del presidente della repubblica 20 gennaio 1961 , n. 300

Approvazione del regolamento per l'esecuzione della legge 3 aprile 1957, n. 235, concernente il prelievo di parti di cadavere a scopo di trapianto terapeutico.

(G.U. Serie Pregressa , n. 108 del 03 maggio 1961)

							 
Art. 5. A norma degli articoli 1 e 4 della sopracitata, legge 3 aprile 1957, n. 235, il prelievo viene autorizzato dal medico provinciale in seguito alla presentazione dei seguenti documenti: 1) disposizione testamentaria da cui risulti la chiara volonta', del defunto di consentire al prelievo dal proprio cadavere di parti a scopo di trapianto. In mancanza di disposizioni testamentarie, il direttore, primario o capo reparto o sanitario che debba procedere al prelievo ne da' comunicazione al coniuge ed ai parenti entro il secondo grado, di cui sia conosciuto il luogo di residenza. Il prelievo non e' consentito se intervenga tempestiva opposizione del coniuge o di uno dei parenti entro il secondo grado. 2) domanda di prelievo presentata dal medico che intende procedere al prelievo stesso controfirmata dalla persona per la quale si richiede il prelievo ovvero da un suo congiunto. I direttori degli Istituti autorizzati, in caso di urgenza, allo scopo di assicurare la buona riuscita dello intervento, possono ottenere, dal medico provinciale la autorizzazione provvisoria al prelievo in base a domanda in cui venga dichiarato, sotto la loro responsabilita', che sussistano le condizioni di legge e ragioni di urgenza, per effettuare il prelievo. L'autorizzazione definitiva e' rilasciata quando la prescritta documentazione sia stata presentata.
Articoli:
Torna su