vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:62518
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 16 settembre 2019 Ultima Modifica: 18 settembre 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Regione Veneto

Legge regionale 05 agosto 2010 , n. 21

Norme per la riorganizzazione del servizio ispettivo e di vigilanza per il sistema socio-sanitario veneto.

(G.U. 3° Serie Speciale - Regioni , n. 14 del 09 aprile 2011)

							 
Art. 2 Attivita' e compiti 1. L'attivita' ispettiva e di vigilanza, di carattere amministrativo, contabile e funzionale, si esercita con riguardo ai settori regionali sanitario e sociale. Particolare rilevanza nello svolgimento dell'attivita' di controllo e' attribuita al rapporto della struttura ispettiva con i collegi sindacali o dei revisori dei soggetti di cui all'art. 1, comma 1. 2. La struttura ispettiva svolge un'attivita' di vigilanza di secondo grado, che non sostituisce la normale attivita' di verifica e vigilanza attribuita dalla vigente normativa ad altre strutture regionali. 3. L'attivita' ispettiva puo' essere ordinaria e straordinaria. 4. L'attivita' ordinaria viene effettuata in conformita' al piano annuale di attivita' predisposto, entro il primo trimestre di ogni anno, dalla commissione consiliare di intesa con la Giunta regionale, al fine di consentire il coordinamento con la programmazione regionale. 5. L'attivita' ispettiva straordinaria verte su fattispecie particolari e puo' essere attivata su segnalazione della Giunta regionale o dei suoi componenti ovvero dei componenti del Consiglio regionale. La commissione consiliare, con espressa motivazione, puo' individuare fra le segnalazioni pervenute quelle ritenute prioritarie. 6. Qualora la struttura ispettiva accerti nello svolgimento della propria attivita' irregolarita' o inefficienze invia alla commissione consiliare specifiche relazioni con le proprie osservazioni e proposte. 7. Il presidente della commissione consiliare invia gli esiti dell'attivita' di ispezione e di vigilanza alla Giunta regionale ai fini dell'eventuale adozione dei conseguenti provvedimenti; la Giunta regionale, entro sessanta giorni dall'invio, relaziona puntualmente sulla attivita' intrapresa.
Articoli:
Torna su