vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:61511
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 18 aprile 2019 Ultima Modifica: 23 aprile 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Ordinanza del presidente del consiglio dei ministri 14 marzo 2012

Ulteriori disposizioni per fronteggiare l'emergenza in materia di bonifica e risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonche' in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione nella Regione siciliana. (Ordinanza n. 4008). (12E03240)

(G.U. Serie Generale , n. 69 del 22 marzo 2012)

							 
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225; Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112; Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401; Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 gennaio 2012, con il quale e' stato prorogato, fino al 31 dicembre 2012, lo stato di emergenza in materia di bonifiche e di risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonche' in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione Regione siciliana; Viste le precedenti ordinanze di protezione civile n. 2983 del 31 maggio 1999, n. 3048 del 31 marzo 2000, n. 3072 del 21 luglio 2000, n. 3136 del 25 maggio 2001, n. 3190 del 22 marzo 2002, n. 3265 del 21 febbraio 2003 articoli 6 e 7, n. 3334 del 23 gennaio 2004, n. 3852 del 19 febbraio 2010 e n. 3880 del 3 giugno 2010 art. 11, con le quali sono state emanate disposizioni per fronteggiare lo stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, speciali e speciali pericolosi, in materia di bonifica e risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonche' in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione nel territorio della Regione siciliana; Ritenuto necessario, al fine di una piu' proficua azione finalizzata al superamento del summenzionato contesto emergenziale, apportare alcune modifiche ed integrazioni alle citate ordinanze di protezione civile ed in particolare all'ordinanza n. 3852 del 19 febbraio 2010, e successive modificazioni, e cio' al fine di favorire la rapida ultimazione degli interventi per il definitivo superamento della situazione di emergenza in rassegna; Vista la nota prot. n. 14169 del 22 dicembre 2011 trasmessa dal Presidente della Regione Siciliana - Commissario Delegato; Acquisita l'intesa della regione Siciliana con nota del 6 marzo 2012; Su proposta del Capo del Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Dispone: Art. 1 1. Per il proseguimento delle attivita' inerenti all'emergenza in materia di bonifica e risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonche' in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione nella Regione Siciliana, all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3852 del 19 febbraio 2010, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche: a) il comma 1 dell'art. 2 e' sostituito dal seguente: "1. Per l'espletamento delle iniziative previste dalla presente ordinanza, il dott. Marco Lupo e' nominato Soggetto attuatore. Al fine di assicurare il continuo coordinamento delle rispettive attivita', il Soggetto attuatore adotta tutti i provvedimenti di sua competenza previa intesa con il Commissario delegato."; b) al comma 2 dell'art. 2 le parole: "in misura pari al 80%" sono sostituite dalle seguenti: "in misura pari al 60%"; c) al comma 1 dell'art. 3, prima delle parole: "in caso di inerzia dei soggetti istituzionalmente preposti", e' aggiunta la seguente parola: "anche"; d) al comma 2 dell'art. 4, prima delle parole: "in caso di inerzia dei soggetti istituzionalmente preposti", e' aggiunta la seguente parola: "anche"; e) al comma 4 dell'art. 6, le parole: "Per assicurare l'attivita' di coordinamento della struttura", sono sostituite dalle seguenti: "Per assicurare il coordinamento delle attivita' della struttura"; f) al primo periodo del comma 9 dell'art. 6, le parole: "Il Soggetto attuatore", sono sostituite dalle seguenti: "Il Commissario delegato, sentito il Soggetto attuatore,". Al secondo periodo del medesimo comma 9, le parole: "Soggetto attuatore" sono sostituite dalle seguenti: "Commissario delegato". 2. Dalla data di entrata in vigore della presente ordinanza sono revocati tutti i distacchi ed i comandi di personale disposti ai sensi del comma 4 dell'art. 6 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3852 del 19 febbraio 2010 e successive modificazioni, nonche' tutti gli incarichi di esperti attribuiti ai sensi del comma 9 dell'art. 6 dell'ordinanza medesima. La presente ordinanza sara' pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 14 marzo 2012 II Presidente : Monti
Torna su