vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:61301
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 23 marzo 2019 Ultima Modifica: 25 marzo 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Decreto legislativo 04 marzo 2014 , n. 26

Attuazione della direttiva 2010/63/UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici. (14G00036)

(G.U. Serie Generale , n. 61 del 14 marzo 2014)

							 
Allegato III Requisiti per gli stabilimenti e per la cura e la sistemazione degli animali Sezione A: sezione generale 1. Strutture fisiche 1.1. Funzioni e progetto generali a) Tutte le strutture sono progettate in modo da offrire un ambiente che tenga conto delle esigenze fisiologiche ed etologiche delle specie da ospitare. Le strutture saranno inoltre studiate in modo da impedire l'accesso ai non addetti nonche' l'entrata o la fuga degli animali. b) Negli stabilimenti e' previsto un programma di manutenzione per evitare o risolvere qualsiasi cedimento degli edifici o delle attrezzature. 1.2. Locali di permanenza a) Gli stabilimenti garantiscono una pulizia periodica ed efficace dei locali e osservano norme igieniche soddisfacenti. b) I muri e i pavimenti devono essere rivestiti di materiale particolarmente resistente, atto a sopportare l'intenso logorio causato dagli animali e dalle pulizie. Il rivestimento deve essere innocuo per la salute degli animali e tale da impedire che si feriscano. E' inoltre opportuna una protezione supplementare delle attrezzature o degli impianti affinche' non vengano danneggiati dagli animali, ne' possano arrecare danno agli animali stessi. c) Specie tra loro incompatibili, come predatori e prede, o animali che necessitino di condizioni ambientali diverse, non possono essere fatte coabitare nello stesso locale ne', nel caso di predatori e prede, trovarsi a una distanza tale da potersi reciprocamente vedere, annusare o ascoltare. 1.3. Sale per procedure a finalita' generale o specifica a) Gli stabilimenti dispongono, se opportuno, di una dotazione di apparecchi di laboratorio per la diagnosi semplice, gli esami post mortem e/o per il prelievo di campioni per esami di laboratorio piu' approfonditi, da effettuare altrove. Sale per procedure a finalita' generale o specifica sono disponibili per le situazioni in cui non e' auspicabile effettuare le procedure o osservazioni nei locali di permanenza. b) Devono essere previste strutture per isolare gli animali di nuova acquisizione fino a quando non venga determinato il loro stato di salute e accertato e ridotto al minimo il rischio potenziale per gli animali gia' presenti. c) Devono essere previsti locali separati per l'alloggiamento di animali malati o feriti. 1.4. Locali di servizio a) I locali di stoccaggio sono progettati, utilizzati e mantenuti in modo da salvaguardare la qualita' degli alimenti e dei giacigli. Tali locali sono, per quanto possibile, inaccessibili a vermi ed insetti. Gli altri materiali che potrebbero essere infetti, o rappresentare un rischio per gli animali o il personale, sono conservati separatamente. b) I locali adibiti alla pulitura e al lavaggio devono essere sufficientemente spaziosi da contenere gli apparecchi per la disinfezione e la pulizia del materiale utilizzato. Le operazioni di pulizia sono organizzate in modo da separare l'afflusso del materiale sporco da quello pulito per non infettare attrezzi appena lavati. c) Gli stabilimenti adottano disposizioni per lo stoccaggio in condizioni di igiene e l'eliminazione sicura delle carcasse e degli altri scarti animali. d) Negli interventi chirurgici che richiedono l'asepsi, e' auspicabile disporre di una o piu' sale operatorie separate e sono opportuni locali di convalescenza postoperatoria. 2. Ambiente e relativo controllo 2.1 Ventilazione e temperatura a) L'isolamento, il riscaldamento e la ventilazione del locale di permanenza devono garantire che la circolazione dell'aria, i livelli di polvere e la concentrazione di gas siano mantenuti entro limiti non nocivi per gli animali ospitati. b) La temperatura e l'umidita' relativa nei locali di permanenza sono adattate alle specie e alle fasce d'eta' ospitate. La temperatura e' misurata e registrata ogni giorno. c) Gli animali non devono essere confinati in zone all'aria aperta in condizioni climatiche che possono causare loro distress. 2.2. Illuminazione a) Nei locali in cui la luce naturale non garantisce un adeguato ciclo luce/buio, occorre fornire un'illuminazione artificiale controllata, sia per rispettare le esigenze biologiche degli animali, sia per fornire un soddisfacente ambiente di lavoro. b) L'illuminazione deve permettere di svolgere le procedure di allevamento e ispezione degli animali. c) Occorre garantire fotoperiodi regolari e un'intensita' luminosa adatta alle varie specie. d) Per il mantenimento di animali albini l'illuminazione tiene conto della loro sensibilita' alla luce. 2.3. Rumore a) Il livello dei rumori, compresi gli ultrasuoni, non deve nuocere al benessere degli animali. b) Gli stabilimenti sono dotati di sistemi di allarme che emettono suoni al di fuori della gamma udibile degli animali, se cio' non impedisce che siano udibili da parte degli esseri umani. c) I locali di permanenza sono, se del caso, isolati acusticamente e provvisti di materiali fonoassorbenti. 2.4. Impianti di allarme a) Gli stabilimenti che dipendono dalle apparecchiature elettriche o meccaniche per il controllo e la tutela dell'ambiente sono dotati di sistemi di emergenza per mantenere i servizi essenziali e i sistemi di illuminazione di emergenza e per garantire che gli stessi impianti di allarme continuino a funzionare. b) Gli impianti di riscaldamento e di ventilazione sono dotati di adeguati dispositivi di controllo e di allarme. c) Istruzioni chiare sulle procedure di emergenza sono affisse bene in vista. 3. Cura degli animali 3.1. Salute a) Gli stabilimenti sono dotati di una strategia che garantisca il mantenimento di uno stato di salute degli animali che salvaguardi il benessere degli animali e risponda ai requisiti scientifici. Tale strategia comprende un controllo sanitario periodico, un programma di sorveglianza microbiologica e piani per far fronte a problemi di salute e definisce parametri e procedure sanitari per l'introduzione di nuovi animali. b) Gli animali sono sottoposti a controlli almeno giornalieri effettuati da una persona competente. Tali controlli garantiscono che tutti gli animali malati o feriti siano individuati e che si adottino misure adeguate. 3.2. Animali prelevati allo stato selvatico a) Se gli animali devono essere spostati per essere sottoposti ad esame o a trattamento, nei siti di cattura devono essere disponibili contenitori e mezzi di trasporto adeguati alle specie interessate. b) Occorre prestare un'attenzione particolare e adottare misure appropriate per l'acclimatazione, la quarantena, l'alloggiamento, l'allevamento e la cura degli animali prelevati allo stato selvatico e, se del caso, prevederne la liberazione al termine delle procedure. 3.3. Alloggiamento e arricchimento a) Alloggiamento Gli animali, ad eccezione di quelli per natura solitari, sono alloggiati in gruppi stabili di individui compatibili. Nei casi in cui sono consentiti alloggiamenti singoli ai sensi dell'articolo 33, paragrafo 3, la durata e' limitata allo stretto necessario ed e' mantenuto il contatto visivo, uditivo, olfattivo e tattile. Si deve sorvegliare attentamente l'inserimento o il reinserimento degli animali in gruppi stabili per evitare problemi di incompatibilita' e perturbazioni delle relazioni sociali. b) Arricchimento Tutti gli animali dispongono di spazio sufficientemente complesso che consenta loro di esprimere un ampio repertorio di comportamenti normali. Essi dispongono di un certo grado di controllo e di scelta rispetto al proprio ambiente per ridurre comportamenti indotti da stress. Gli stabilimenti mettono in atto tecniche adeguate di arricchimento per ampliare la gamma di attivita' a disposizione degli animali e aumentare la loro capacita' di risposta tra cui l'esercizio fisico, il foraggiamento e le attivita' di manipolazione e cognitive adeguate alle specie interessate. L'arricchimento ambientale offerto negli alloggiamenti e' adattato alle specie e alle esigenze individuali degli animali. Le strategie di arricchimento negli stabilimenti sono riviste e aggiornate periodicamente. c) Alloggiamenti Gli alloggiamenti non sono costruiti con materiali dannosi per la salute degli animali. Essi sono progettati e costruiti in modo da non danneggiare gli animali. Se non si tratta di strutture usa e getta, sono costruiti con materiali resistenti alle tecniche di pulizia e decontaminazione applicate. La progettazione delle pavimentazioni degli alloggiamenti e' adattata alle specie e all'eta' degli animali ed e' progettata in modo da facilitare l'asportazione degli escrementi. 3.4. Alimentazione a) La forma, il contenuto e la presentazione degli alimenti rispondono alle esigenze nutrizionali e comportamentali dell'animale. b) Gli alimenti devono essere gustosi e non contaminati. Nella scelta delle materie prime, delle modalita' di produzione, preparazione e presentazione degli alimenti, gli stabilimenti adottano misure per ridurre al minimo la contaminazione chimica, fisica e microbiologica. c) L'imballo, il trasporto e lo stoccaggio sono studiati in modo da evitare la contaminazione, il deterioramento o la distruzione del prodotto. Tutte le mangiatoie, tutti gli abbeveratoi o altri attrezzi utilizzati per l'alimentazione degli animali sono regolarmente ripuliti e, se necessario, sterilizzati. d) Ogni animale deve poter accedere agli alimenti e avere spazio sufficiente per mangiare in modo da limitare la concorrenza tra animali. 3.5. Abbeveraggio a) Tutti gli animali dispongono in permanenza di acqua potabile non infetta. b) Se si usano abbeveratoi automatici, e' necessario assicurarne regolarmente la verifica, la manutenzione e il risciacquo al fine di evitare incidenti. Se si usano gabbie a fondo compatto, occorre cercare di ridurre al minimo il rischio di allagamenti. c) Occorre adottare disposizioni per rifornire gli acquari e i vivai di acqua in funzione del fabbisogno e della soglia di tolleranza delle singole specie di pesci, anfibi e rettili. 3.6. Zone per il riposo a) Devono sempre essere a disposizione materiali per lettiere o giacigli per il riposo adeguati alle specie, ivi compresi materiali per i nidi o strutture per gli animali in fase di riproduzione. b) All'interno degli alloggiamenti, secondo i bisogni della specie interessata, e' prevista una superficie solida e comoda per il riposo di tutti gli animali. Tutti i dormitori sono tenuti puliti e asciutti. 3. 7. Gestione Gli stabilimenti istituiscono un programma di adattamento e addestramento adeguati agli animali, alle procedure e alla durata del progetto. Sezione B: sezione riguardante le singole specie 1. Topi, ratti, gerbilli, criceti e porcellini d'India Nella tabella seguente e in tutte le tabelle successive relative a topi, ratti, gerbilli, criceti e porcellini d'India, per "altezza dell'alloggiamento" s'intende la distanza verticale tra il pavimento e il soffitto dell'alloggiamento e tale altezza si applica a piu' del 50% della superficie minima del pavimento dell'alloggiamento prima dell'aggiunta di strumenti di arricchimento. Nella fase di elaborazione delle procedure, occorre tenere in considerazione la crescita potenziale degli animali in modo da garantire uno spazio adeguato (come indicato nelle tabelle da 1.1 a 1.5) per tutta la durata dello studio. Tabella 1.1. Topi ===================================================================== | | | |Spazio | |Data di| | | | Dimensione | al | | cui | | | | minima | suolo | Altezza |all'ar-| | | Peso | dell'allog- | per | minima |ticolo | | |corporeo | giamento |animale| dell'allog- | 22, | | | (g) | (cm²) | (cm²) |giamento (cm)|comma 1| +=============+=========+=============+=======+=============+=======+ | |fino a 20| 330 | 60 | 12 | 1° | | |---------+-------------+-------+-------------|gennaio| | |> 20 fino| | | | 2017 | | |a 25 | 330 | 70 | 12 | | | |---------+-------------+-------+-------------| | | |> 25 fino| | | | | |In riserva e |a 30 | 330 | 80 | 12 | | |durante le |---------+-------------+-------+-------------| | |procedure |oltre 30 | 330 | 100 | 12 | | +-------------+---------+-------------+-------+-------------| | | | | 330 | | | | | | | Per una | | | | | | | coppia | | | | | | |monogama (non| | | | | | |consanguinei/| | | | | | |consanguinei)| | | | | | | o un trio | | | | | | | (consan- | | | | | | |guinei). Per | | | | | | | ogni | | | | | | | ulteriore | | | | | | | femmina e | | | | | | | figliata | | | | | | | aggiungere | | | | |Riproduzione | | 180 cm² | | 12 | | +-------------+---------+-------------+-------+-------------| | |Riserva | | | | | | |presso gli | | | | | | |allevatori* | | | | | | |Dimensione | | | | | | |alloggiamento|inferiore| | | | | |950 cm² |a 20 | 950 | 40 | 12 | | +-------------+---------+-------------+-------+-------------| | |Dimensione | | | | | | |alloggiamento|inferiore| | | | | |1500 cm² |a 20 | 1500 | 30 | 12 | | +-------------+---------+-------------+-------+-------------+-------+ * I topi svezzati possono rimanere a queste densita' di popolamento piu' elevate per il breve periodo dopo lo svezzamento e fino a quando si riproducono purche' gli animali siano accolti in alloggiamenti piu' grandi con adeguato arricchimento e purche' queste condizioni di alloggiamento non compromettano in alcun modo il benessere degli animali creando situazioni quali: livelli piu' elevati di aggressivita', morbilita' o mortalita', stereotipie o altri deficit comportamentali, perdita di peso o altre risposte da stress psicologico o comportamentale. Tabella 1.2. Ratti ================================================================== | | | |Spazio | |Data di| | | |Dimensione | al | Altezza | cui | | | | minima | suolo | minima |all'ar-| | | Peso |dell'allog-| per |dell'allog-|ticolo | | |corporeo| giamento |animale| giamento | 22, | | | (g) | (cm²) | (cm²) | (cm) |comma 1| +===============+========+===========+=======+===========+=======+ |In riserva e |fino a | | | | 1° | |durante le |200 | 800 | 200 | 18 |gennaio| |procedure* |--------+-----------+-------+-----------| 2017 | | |> 200 | | | | | | |fino a | | | | | | |300 | 800 | 250 | 18 | | | |--------+-----------+-------+-----------| | | |> 300 | | | | | | |fino a | | | | | | |400 | 800 | 350 | 18 | | | |--------+-----------+-------+-----------| | | |> 400 | | | | | | |fino a | | | | | | |600 | 800 | 450 | 18 | | | |--------+-----------+-------+-----------| | | |oltre | | | | | | |600 | 1500 | 600 | 18 | | +---------------+--------+-----------+-------+-----------| | | | | 800 | | | | | | | Madre e | | | | | | | figliata. | | | | | | |Per ciascun| | | | | | | animale | | | | | | | adulto | | | | | | | aggiunto | | | | | | |all'allog- | | | | | | |giamento in| | | | | | | via | | | | | | |permanente | | | | | | |aggiungere | | | | |Riproduzione | | 400 cm² | | 18 | | +---------------+--------+-----------+-------+-----------| | |Riserva presso |fino a | | | | | |gli |50 | 1500 | 100 | 18 | | |allevatori** |--------+-----------+-------+-----------| | |Dimensione |> 50 | | | | | |alloggiamento |fino a | | | | | |1.500 cm² |100 | 1500 | 125 | 18 | | | |--------+-----------+-------+-----------| | | |> 100 | | | | | | |fino a | | | | | | |150 | 1500 | 150 | 18 | | | |--------+-----------+-------+-----------| | | |> 150 | | | | | | |fino a | | | | | | |200 | 1500 | 175 | 18 | | +---------------+--------+-----------+-------+-----------| | |Riserva presso |fino a | | | | | |gli |100 | 2500 | 100 | 18 | | |allevatori** |--------+-----------+-------+-----------| | |Dimensione |> 100 | | | | | |alloggiamento |fino a | | | | | |2.500 cm² |150 | 2500 | 125 | 18 | | | |--------+-----------+-------+-----------| | | |> 150 | | | | | | |fino a | | | | | | |200 | 2500 | 150 | 18 | | +---------------+--------+-----------+-------+-----------+-------+ * Per gli studi a lungo termine, se lo spazio minimo disponibile per ogni animale e inferiore a quello indicato nella tabella verso la fine degli studi in questione, occorre privilegiare il mantenimento di strutture sociali stabili. ** I ratti svezzati possono rimanere a queste densita' di popolamento piu' elevate per il breve periodo dopo lo svezzamento e fino a quando si riproducono purche' gli animali siano accolti in alloggiamenti piu' grandi con adeguato arricchimento e purche' queste condizioni di alloggiamento non compromettano in alcun modo il benessere degli animali creando situazioni quali: livelli piu' elevati di aggressivita', morbilita' o mortalita', stereotipie o altri deficit comportamentali, perdita di peso o altre risposte da stress psicologico o comportamentale. Tabella 1.3. Gerbilli ===================================================================== | | | |Spazio | |Data di| | | | Dimensione | al | | cui | | | | minima | suolo | Altezza |all'ar-| | | Peso | dell'allog- | per | minima |ticolo | | |corporeo| giamento |animale| dell'allog- | 22, | | | (g) | (cm²) | (cm²) |giamento (cm)|comma 1| +==============+========+=============+=======+=============+=======+ | |fino a | | | | 1° | |In riserva e |40 | 1200 | 150 | 18 |gennaio| |durante le |--------+-------------+-------+-------------| 2017 | |procedure |oltre 40| 1200 | 250 | 18 | | +--------------+--------+-------------+-------+-------------| | | | | 1200 Coppia | | | | | | | monogama o | | | | | | | trio con | | | | |Riproduzione | | figliata | | 18 | | +--------------+--------+-------------+-------+-------------+-------+ Tabella 1.4. Criceti ================================================================== | | | |Spazio | |Data di| | | |Dimensione | al | Altezza | cui | | | | minima | suolo | minima |all'ar-| | | Peso |dell'allog-| per |dell'allog-|ticolo | | |corporeo | giamento |animale| giamento | 22, | | | (g) | (cm²) | (cm²) | (cm) |comma 1| +==============+=========+===========+=======+===========+=======+ |In riserva e | | | | | 1° | |durante le | | | | |gennaio| |procedure |fino a 60| 800 | 150 | 14 | 2017 | | |---------+-----------+-------+-----------| | | |> 60 fino| | | | | | |a 100 | 800 | 200 | 14 | | | |---------+-----------+-------+-----------| | | |oltre 100| 800 | 250 | 14 | | +--------------+---------+-----------+-------+-----------| | | | | 800 | | | | | | | Madre o | | | | | | | coppia | | | | | | | monogama | | | | | | | con | | | | |Riproduzione | | figliata | | 14 | | +--------------+---------+-----------+-------+-----------| | |Riserva presso| | | | | | |gli |inferiore| | | | | |allevatori* |a 60 | 1500 | 100 | 14 | | +--------------+---------+-----------+-------+-----------+-------+ * I criceti svezzati possono rimanere a queste densita' di popolamento piu' elevate per il breve periodo dopo lo svezzamento e fino a quando si riproducono purche' gli animali siano accolti in alloggiamenti piu' grandi con adeguato arricchimento e purche' queste condizioni non compromettano in alcun modo il benessere degli animali creando situazioni quali: livelli piu' elevati di aggressivita', morbilita' o mortalita', stereotipie o altri deficit comportamentali, perdita di peso o altre risposte da stress psicologico o comportamentale. Tabella 1.5. Porcellini d'India ==================================================================== | | | |Spazio | |Data di| | | | | al | Altezza | cui | | | | Dimensione | suolo | minima |all'ar-| | | Peso | minima | per |dell'allog-|ticolo | | |corporeo| dell'allog- |animale| giamento | 22, | | | (g) |giamento (cm²)| (cm²) | (cm) |comma 1| +==============+========+==============+=======+===========+=======+ | |fino a | | | | 1° | | |200 | 1800 | 200 | 23 |gennaio| | |--------+--------------+-------+-----------| 2017 | | |> 200 | | | | | | |fino a | | | | | | |300 | 1800 | 350 | 23 | | | |--------+--------------+-------+-----------| | | |> 300 | | | | | | |fino a | | | | | | |450 | 1800 | 500 | 23 | | | |--------+--------------+-------+-----------| | | |> 450 | | | | | | |fino a | | | | | | |700 | 2500 | 700 | 23 | | |In riserva e |--------+--------------+-------+-----------| | |durante le |oltre | | | | | |procedure |700 | 2500 | 900 | 23 | | +--------------+--------+--------------+-------+-----------| | | | | 2500 | | | | | | | Coppia | | | | | | |con figliata. | | | | | | | Per ogni | | | | | | | ulteriore | | | | | | | femmina in | | | | | | | fase di | | | | | | | riproduzione | | | | | | | aggiungere | | | | |Riproduzione | | 1000 cm² | | 23 | | +--------------+--------+--------------+-------+-----------+-------+ 2. Conigli Nell'ambito della ricerca nel settore agricolo, qualora la finalita' del progetto preveda che gli animali siano tenuti in condizioni analoghe a quelle degli animali negli allevamenti commerciali, il trattamento degli animali e' conforme almeno alle disposizioni stabilite nella direttiva 98/58/CE1 . All'interno dell'alloggiamento occorre prevedere una piattaforma rialzata. Tale piattaforma deve permettere all'animale di sdraiarsi, sedersi e muoversi facilmente al di sotto e non deve occupare piu' del 40% dello spazio al suolo. Se per ragioni scientifiche o veterinarie non si puo' utilizzare una piattaforma rialzata, l'alloggiamento deve essere 33% piu' grande se ospita un solo coniglio e 60% piu' grande se ne ospita due. Se si prevede una piattaforma rialzata per conigli di eta' inferiore alle 10 settimane, questa deve avere dimensioni perlomeno di 55 cm x 25 cm e un'altezza dal suolo tale che gli animali possano effettivamente utilizzare la piattaforma rialzata. Tabella 2.1. Conigli di eta' superiore a 10 settimane La tabella 2.1 e' applicabile sia alle gabbie che ai box chiusi. La superficie supplementare al suolo per il terzo, il quarto, il quinto e il sesto esemplare e' di minimo 3000 cm2 per coniglio e di minimo 2500 cm2 per ogni esemplare supplementare oltre il sesto coniglio. ===================================================================== | | Spazio minimo al | |Data di cui | | | suolo per uno o due | | all'ar- | | Peso corporeo | animali socialmente | Altezza | ticolo 22, | | definitivo (kg) | armoniosi (cm²) |minima (cm) | comma 1 | +===================+=====================+============+============+ | | | | 1° gennaio | |inferiore a 3 | 3500 | 45 | 2017 | +-------------------+---------------------+------------| | |da 3 a 5 | 4200 | 45 | | +-------------------+---------------------+------------| | |oltre 5 | 5400 | 60 | | +-------------------+---------------------+------------+------------+ Tabella 2.2. Femmina con figliata ===================================================================== | | | | |Data di | | | | | | cui | | | | Superficie | |all'ar- | |Peso della | Dimensione minima | supplementare |Altezza | ticolo | | coniglia | dell'alloggiamento |per le cassette| minima | 22, | | (kg) | (cm²) | nido (cm²) | (cm) |comma 1 | +===========+=====================+===============+========+========+ | | | | | 1° | |inferiore a| | | |gennaio | |3 | 3500 | 1000 | 45 | 2017 | +-----------+---------------------+---------------+--------| | |da 3 a 5 | 4200 | 1200 | 45 | | +-----------+---------------------+---------------+--------| | |oltre 5 | 5400 | 1400 | 60 | | +-----------+---------------------+---------------+--------+--------+ ---------------- 1 Direttiva 98/58/CE del Consiglio, del 20 luglio 1998, riguardante la protezione degli animali negli allevamenti (GU L 221 dell'8.8.1998, pag. 23). Tabella 2.3. Conigli di eta' inferiore a 10 settimane La tabella 2.3 e' applicabile sia alle gabbie che ai box chiusi. ===================================================================== | | | Spazio | | Data di | | | Dimensione |minimo al | | cui | | | minima |suolo per | Altezza | all'ar- | | | dell'allog- | animale | minima |ticolo 22,| | Eta' | giamento (cm²) | (cm²) | (cm) | comma 1 | +=================+================+==========+==========+==========+ |Dallo svezzamento| | | | | |fino a 7 | | | |1° gennaio| |settimane | 4000 | 800 | 40 | 2017 | +-----------------+----------------+----------+----------+----------+ |Da 7 a 10 | | | | | |settimane | 4000 | 1200 | 40 | | +-----------------+----------------+----------+----------+----------+ Tabella 2.4. Conigli: dimensioni ottimali delle piattaforme rialzate degli alloggiamenti che presentano le dimensioni indicate nella tabella 2.1. ===================================================================== | | | | Altezza | Data di | | | | | ottimale a | cui | | | | | partire dal | all'ar- | | |Peso corporeo | Dimensione | suolo | ticolo | | Eta' in | definitivo |ottimale (cm | dell'allog- |22, comma| | settimane | (kg) | x cm) |giamento (cm) | 1 | +=============+==============+=============+==============+=========+ |oltre 10 |inferiore a 3 | 55 x 25 | 25 | 1° | | |--------------+-------------+--------------| gennaio | | | da 3 a 5 | 55 x 30 | 25 | 2017 | | |--------------+-------------+--------------| | | | oltre 5 | 60 x 35 | 30 | | +-------------+--------------+-------------+--------------+---------+ 3. Gatti I gatti non devono essere alloggiati in sistemazioni individuali per piu' di ventiquattr'ore consecutive. I gatti che manifestano ripetutamente comportamenti aggressivi nei confronti di altri gatti devono essere alloggiati in sistemazioni individuali solo se non e' possibile trovare un compagno compatibile. E' opportuno sorvegliare lo stress sociale di tutti gli individui che vivono in coppia o in gruppo almeno con frequenza settimanale. Le femmine con piccoli di eta' inferiore a quattro settimane o che si trovano nelle ultime due settimane di gravidanza possono essere alloggiate da sole. Tabella 3 Gatti Lo spazio minimo destinato ad una gatta e alla sua figliata e' quello riservato ad un unico gatto ed e' aumentato progressivamente in modo che, a quattro mesi, i piccoli siano risistemati secondo i requisiti di spazio per gli esemplari adulti. Le zone riservate all'alimentazione e alle lettiere devono trovarsi ad una distanza minima di 0,5 m tra loro e non devono essere scambiate. ===================================================================== | | | | | Data di | | | | | | cui | | | | | | all'ar- | | | | | | ticolo | | | | Piattaforme | Altezza |22, comma| | |Pavimento* (m²)| (m²) | (m) | 1 | +===============+===============+===============+=========+=========+ |Dimensioni | | | | 1° | |minime per un | | | | gennaio | |animale adulto | 1,5 | 0,5 | 2 | 2017 | +---------------+---------------+---------------+---------| | |Per ciascun | | | | | |animale in piu'| | | | | |aggiungere | 0,75 | 0,25 | - | | +---------------+---------------+---------------+---------+---------+ Nota: * La superficie al suolo non comprende le piattaforme. 4. Cani I cani devono disporre, se possibile, di recinti esterni. I cani non devono essere alloggiati in sistemazioni individuali per piu' di quattro ore consecutive. L'alloggiamento interno deve rappresentare almeno il 50% dello spazio minimo a disposizione dei cani, come indicato nella tabella 4.1. Le indicazioni sullo spazio fornite di seguito si basano sulle esigenze dei beagle, ma razze giganti come il San Bernardo o il pastore irlandese devono avere a disposizione spazi molto piu' ampi di quelli indicati nella tabella 4.1. Per le razze diverse dai beagle utilizzati in laboratorio, lo spazio necessario deve essere determinato in consultazione con il personale veterinario. Tabella 4.1. Cani I cani alloggiati in coppia o in gruppi possono essere costretti in meta' dello spazio minimo previsto (2 m2 per un cane di meno di 20 kg, 4 m2 per un cane di piu' di 20 kg) mentre sono sottoposti alle procedure di cui alla presente direttiva, se tale separazione e' essenziale a fini scientifici. Il periodo in cui un cane resta cosi' confinato non deve superare le quattro ore consecutive. Una femmina che allatta e la sua figliata devono avere lo stesso spazio destinato ad una femmina di peso equivalente. Il luogo destinato al parto deve essere concepito in maniera tale che la femmina possa spostarsi in un altro scomparto o accedere ad una piattaforma rialzata lontana dai cuccioli. ===================================================================== | | | Spazio | Pe ciascun | | Data di | | | |minimo al| animale in | | cui | | | Dimensione |suolo per| piu' | | all'ar- | | | minima |uno o due|aggiungere un| Altezza | ticolo | | Peso | dell'allog- | animale | minimo di | minima |22, comma| | (kg) | giamento (m²) | (m²) | (m²) | (m) | 1 | +=======+===============+=========+=============+=========+=========+ |fino a | | | | | 1° | |20 | 4 | 4 | 2 | 2 | gennaio | +-------+---------------+---------+-------------+---------| 2017 | |oltre | | | | | | |20 | 8 | 8 | 4 | 2 | | +-------+---------------+---------+-------------+---------+---------+ Tabella 4.2. Cani - animali svezzati ===================================================================== | | | Spazio | |Data di cui| | | Dimensione minima | minimo al | | all'ar- | |Peso del | dell'allog- | suolo/ | Altezza |ticolo 22, | |cane (kg)| giamento (m²) |animale (m²)| minima (m) | comma 1 | +=========+===================+============+============+===========+ |fino a 5 | 4 | 0,5 | 2 |1° gennaio | +---------+-------------------+------------+------------| 2017 | |> 5 fino | | | | | |a 10 | 4 | 1,0 | 2 | | +---------+-------------------+------------+------------| | |> 10 fino| | | | | |a 15 | 4 | 1,5 | 2 | | +---------+-------------------+------------+------------| | |> 15 fino| | | | | |a 20 | 4 | 2 | 2 | | +---------+-------------------+------------+------------| | |oltre 20 | 8 | 4 | 2 | | +---------+-------------------+------------+------------+-----------+ 5. Furetti Tabella 5. Furetti ===================================================================== | | | Spazio | | | | | | minimo al | |Data di cui| | |Dimensione minima| suolo per | | all'ar- | | | dell'allog- | animale | Altezza |ticolo 22, | | | giamento (cm²) | (cm²) |minima (cm)| comma 1 | +=============+=================+===========+===========+===========+ |Animali fino | | | |1° gennaio | |a 600 g | 4500 | 1500 | 50 | 2017 | +-------------+-----------------+-----------+-----------| | |Animali di | | | | | |piu' di 600 g| 4500 | 3000 | 50 | | +-------------+-----------------+-----------+-----------| | |Maschi adulti| 6000 | 6000 | 50 | | +-------------+-----------------+-----------+-----------| | |Femmina con | | | | | |figliata | 5400 | 5400 | 50 | | +-------------+-----------------+-----------+-----------+-----------+ 6. Primati non umani I primati non umani giovani non sono separati dalla madre fino a un'eta' compresa tra sei e dodici mesi, in funzione della specie. L'ambiente permette ai primati non umani di svolgere un programma giornaliero di attivita' complesse. L'alloggiamento permette ai primati non umani di manifestare il piu' ampio repertorio comportamentale possibile, di provare un senso di sicurezza e offre loro un ambiente sufficientemente complesso per permettere all'animale di correre, camminare, arrampicarsi e saltare. Tabella 6.1. Uistiti' e tamarini ===================================================================== | | | Volume | | | | | Spazio minimo al |minimo per | | | | | suolo degli | ogni | | Data di | | |alloggiamenti per |animale in | | cui | | | 1* o 2 animali | piu' di | | all'ar- | | | piu' la progenie | eta' |Altezza minima| ticolo | | | fino a 5 mesi di |superiore a| dell'allog- |22, comma| | | eta' (m²) |5 mesi (m³)|giamento (m)**| 1 | +===========+==================+===========+==============+=========+ |Uistiti' | 0,5 | 0,2 | 1,5 | 1° | +-----------+------------------+-----------+--------------| gennaio | |Tamarini | 1,5 | 0,2 | 1,5 | 2017 | +-----------+------------------+-----------+--------------+---------+ * Gli animali sono tenuti in alloggi individuali soltanto in casi eccezionali. ** Il soffitto dell'alloggiamento deve trovarsi ad un'altezza minima di 1,8 m dal suolo. Uistiti' e tamarini non devono essere separati dalla madre prima degli otto mesi di eta'. Tabella 6.2. Scimmie scoiattolo ===================================================================== | Spazio | | | | | minimo al | Volume minimo | | Data di | | suolo per | per ogni | | cui | | 1* o 2 |animale di eta'| | all'ar- | | animali | superiore a 6 | Altezza minima |ticolo 22,| | (m²) | mesi (m³) | dell'alloggiamento (m) | comma 1 | +===========+===============+============================+==========+ | | | |1° gennaio| | 2,0 | 0,5 | 1,8 | 2017 | +-----------+---------------+----------------------------+----------+ * Gli animali sono tenuti in alloggi individuali soltanto in casi eccezionali. Le scimmie scoiattolo non devono essere separate dalla madre prima dei sei mesi di eta'. Tabella 6.3. Macachi e cercopitechi* ================================================================== | | | | | |Data di| | |Dimensione | Volume |Volume | Altezza | cui | | | minima | minimo |minimo | minima |all'ar-| | |dell'allog-|dell'allog-| per |dell'allog-|ticolo | | | giamento | giamento |animale| giamento | 22, | | | (m²) | (m³) | (m³) | (m) |comma 1| +============+===========+===========+=======+===========+=======+ |Animali di | | | | | | |eta' | | | | | 1° | |inferiore a | | | | |gennaio| |3 anni** | 2,0 | 3,6 | 1,0 | 1,8 | 2017 | +------------+-----------+-----------+-------+-----------| | |Animali di | | | | | | |eta' uguale | | | | | | |o superiore | | | | | | |a 3 anni*** | 2,0 | 3,6 | 1,8 | 1,8 | | +------------+-----------+-----------+-------+-----------| | |Animali | | | | | | |tenuti a | | | | | | |fini di | | | | | | |riproduzione| | | | | | |**** | | | 3,5 | 2,0 | | +------------+-----------+-----------+-------+-----------+-------+ * Gli animali sono tenuti in alloggi individuali soltanto in casi eccezionali. ** Un alloggiamento di dimensioni minime puo' contenere fino a tre animali. *** Un alloggiamento di dimensioni minime puo' contenere fino a due animali. **** Nelle colonie riproduttive non e' necessario prevedere spazio/volume supplementare per gli animali giovani fino a 2 anni di eta' che sono alloggiati con la madre. Macachi e cercopitechi non devono essere separati dalla madre prima degli otto mesi di eta'. Tabella 6.4. Babbuini* ================================================================== | | | | | |Data di| | |Dimensione | Volume |Volume | Altezza | cui | | | minima | minimo |minimo | minima |all'ar-| | |dell'allog-|dell'allog-| per |dell'allog-|ticolo | | | giamento | giamento |animale| giamento | 22, | | | (m²) | (m³) | (m³) | (m) |comma 1| +============+===========+===========+=======+===========+=======+ |Animali** di| | | | | | |eta' | | | | | 1° | |inferiore a | | | | |gennaio| |4 anni** | 4,0 | 7,2 | 3,0 | 1,8 | 2017 | +------------+-----------+-----------+-------+-----------| | |Animali** di| | | | | | |eta' uguale | | | | | | |o superiore | | | | | | |a 4 anni** | 7,0 | 12,6 | 6,0 | 1,8 | | +------------+-----------+-----------+-------+-----------| | |Animali | | | | | | |tenuti a | | | | | | |fini di | | | | | | |riproduzione| | | | | | |*** | | | 12,0 | 2,0 | | +------------+-----------+-----------+-------+-----------+-------+ * Gli animali sono tenuti in alloggi individuali soltanto in casi eccezionali. ** Un alloggiamento di dimensioni minime puo' contenere fino a due animali. *** Nelle colonie riproduttive non e' necessario prevedere spazio/volume supplementare per gli animali giovani fino a 2 anni di eta' che sono alloggiati con la madre. I babbuini non devono essere separati dalla madre prima degli otto mesi di eta'. 7. Animali da allevamento Nell'ambito della ricerca nel settore agricolo, qualora la finalita' del progetto preveda che gli animali debbano essere tenuti in condizioni analoghe a quelle degli animali negli allevamenti commerciali, il trattamento degli animali e' conforme almeno alle disposizioni stabilite nelle direttive 98/58/CE, 91/629/CEE2 e 91/630/CEE3 . Tabella 7.1. Bovini =================================================================== | | | | Spazio | Spazio | | | | | |mangiatoia |mangiatoia | | | | | |per alimen-|per alimen-|Data di| | |Dimensione | Spazio |tazione "ad| tazione | cui | | | minima | minimo al |libitum" di| razionata |all'ar-| | Peso |dell'allog-| suolo/ | animali |di animali |ticolo | |corporeo| giamento | animale |senza corna|senza corna| 22, | | (kg) | (m²) |(m²/animale)|(m/animale)|(m/animale)|comma 1| +========+===========+============+===========+===========+=======+ | | | | | | 1° | |fino a | | | | |gennaio| |100 | 2,50 | 2,30 | 0,10 | 0,30 | 2017 | +--------+-----------+------------+-----------+-----------| | |> 100 | | | | | | |fino a | | | | | | |200 | 4,25 | 3,40 | 0,15 | 0,50 | | +--------+-----------+------------+-----------+-----------| | |> 200 | | | | | | |fino a | | | | | | |400 | 6,00 | 4,80 | 0,18 | 0,60 | | +--------+-----------+------------+-----------+-----------| | |> 400 | | | | | | |fino a | | | | | | |600 | 9,00 | 7,50 | 0,21 | 0,70 | | +--------+-----------+------------+-----------+-----------| | |> 600 | | | | | | |fino a | | | | | | |800 | 11,00 | 8,75 | 0,24 | 0,80 | | +--------+-----------+------------+-----------+-----------| | |oltre | | | | | | |800 | 16,00 | 10,00 | 0,30 | 1,00 | | +--------+-----------+------------+-----------+-----------+-------+ Tabella 7.2. Pecore e capre ===================================================================== | | | | | Spazio | | | | | | | |mangia- | Spazio | | | | | Spazio | |toia per| mangia- | | | | | minimo | |alimen- |toia per |Data di| | |Dimensione | al | |tazione | alimen- | cui | | | minima | suolo/ | Altezza | "ad | tazione |all'ar-| | Peso |dell'allog-|animale | minima |libitum"|razionata|ticolo | |corporeo | giamento | (m²/ |divisorio| (m/ | (m/ | 22, | | (kg) | (m²) |animale)| (m) |animale)|animale) |comma 1| +=========+===========+========+=========+========+=========+=======+ | | | | | | | 1° | |inferiore| | | | | |gennaio| |a 20 | 1,0 | 0,7 | 1,0 | 0,10 | 0,25 | 2017 | +---------+-----------+--------+---------+--------+---------| | |> 20 fino| | | | | | | |a 35 | 1,5 | 1,0 | 1,2 | 0,10 | 0,30 | | +---------+-----------+--------+---------+--------+---------| | |> 35 fino| | | | | | | |a 60 | 2,0 | 1,5 | 1,2 | 0,12 | 0,40 | | +---------+-----------+--------+---------+--------+---------| | |oltre 60 | 3,0 | 1,8 | 1,5 | 0,12 | 0,50 | | +---------+-----------+--------+---------+--------+---------+-------+ ---------------- 2 Direttiva 91/629/CEE del Consiglio, del 19 novembre 1991, che stabilisce le norme minime per la protezione dei vitelli (GU L 340 dell'11.12.1991, pag. 28). 3 Direttiva 91/630/CEE del Consiglio, del 19 novembre 1991, che stabilisce le norme minime per la protezione dei suini (GU L 340 dell'11.12.1991, pag. 33). Tabella 7.3. Maiali e minipigs ===================================================================== | | | |Spazio minimo| | | | | | consentito | | | | | | per animale | | | | | Spazio |per coricarsi|Data di | | | |minimo al| (in | cui | | | Dimensione |suolo per|condizioni di|all'ar- | | | minima | animale | temperatura | ticolo | | | dell'allog- | (m²/ |neutra) (m²/ | 22, | | Peso vivo (kg) |giamento* (m²)|animale) | animale) |comma 1 | +===================+==============+=========+=============+========+ | | | | | 1° | | | | | |gennaio | |fino a 5 | 2,0 | 0,20 | 0,10 | 2017 | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 5 fino a 10 | 2,0 | 0,25 | 0,11 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 10 fino a 20 | 2,0 | 0,35 | 0,18 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 20 fino a 30 | 2,0 | 0,50 | 0,24 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 30 fino a 50 | 2,0 | 0,70 | 0,33 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 50 fino a 70 | 3,0 | 0,80 | 0,41 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 70 fino a 100 | 3,0 | 1,00 | 0,53 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |> 100 fino a 150 | 4,0 | 1,35 | 0,70 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |oltre 150 | 5,0 | 2,50 | 0,95 | | +-------------------+--------------+---------+-------------| | |Cinghiali adulti | | | | | |(convenzionali) | 7,5 | | 1,30 | | +-------------------+--------------+---------+-------------+--------+ * I maiali possono essere confinati in alloggiamenti di dimensioni piu' ridotte per brevi periodi di tempo, per esempio, suddividendo il locale principale con pareti divisorie, per motivi veterinari o sperimentali, per esempio, quando e' previsto un consumo individuale di cibo. Tabella 7.4. Equini Il lato piu' corto deve corrispondere, come minimo, a 1,5 volte l'altezza al garrese dell'animale. L'altezza dei compartimenti interni deve essere tale che l'animale possa impennarsi completamente. ===================================================================== | | Spazio minimo al suolo/animale | |Data di | | | (m²/animale) | | cui | | |----------------------------------| |all'ar- | | |Per ciascun | | | | ticolo | | | animale |Per ciascun | | | 22, | | | alloggiato | animale | Box | |comma 1 | | Altezza |da solo o in| alloggiato | parto/ | Altezza +========+ | al |gruppi di 3 |in gruppi di|femmina | minima | 1° | | garrese | animali al |4 animali o | con | dell'allog- |gennaio | | (m) | massimo | piu' |puledro |giamento (m) | 2017 | +=========+============+============+========+=============| | |1,00 fino| | | | | | |a 1,40 | 9,0 | 6,0 | 16 | 3,00 | | +---------+------------+------------+--------+-------------| | |> 1,40 | | | | | | |fino a | | | | | | |1,60 | 12,0 | 9,0 | 20 | 3,00 | | +---------+------------+------------+--------+-------------| | |oltre | | | | | | |1,60 | 16,0 | (2 x AG)2* | 20 | 3,00 | | +---------+------------+------------+--------+-------------+--------+ * Per garantire che ci sia spazio sufficiente, lo spazio minimo disponibile per ciascun animale deve basarsi sull'altezza al garrese (AG) 8. Uccelli Nell'ambito della ricerca nel settore agricolo, qualora la finalita' del progetto preveda che gli animali debbano essere tenuti in condizioni analoghe a quelle degli animali negli allevamenti commerciali, il trattamento degli animali e' conforme almeno alle disposizioni stabilite nelle direttive 98/58/CE, 1999/74/CE4 e 2007/43/CE5 . Tabella 8.1. Pollame domestico Se per motivi scientifici non e' possibile garantire queste dimensioni minime degli alloggiamenti, chi conduce l'esperimento deve motivare la durata del confinamento in consultazione con il personale veterinario. In tal caso, gli uccelli possono essere ospitati in alloggiamenti piu' piccoli dotati di arricchimenti adeguati e con una superficie minima al suolo di 0,75 m2 . ===================================================================== | | | | | |Data di | | | | | | Lunghezza | cui | | | Dimensione | | | minima |all'ar- | | Peso | minima | Superficie |Altezza |mangiatoia | ticolo | | corporeo | dell'allog- | minima per | minima |per uccello| 22, | | (g) |giamento (m²)|uccello (m²)| (cm) | (cm) |comma 1 | +==========+=============+============+========+===========+========+ | | | | | | 1° | | | | | | |gennaio | |fino a 200| 1,00 | 0,025 | 30 | 3 | 2017 | +----------+-------------+------------+--------+-----------| | |> 200 fino| | | | | | |a 300 | 1,00 | 0,03 | 30 | 3 | | +----------+-------------+------------+--------+-----------| | |> 300 fino| | | | | | |a 600 | 1,00 | 0,05 | 40 | 7 | | +----------+-------------+------------+--------+-----------| | |> 600 fino| | | | | | |a 1200 | 2,00 | 0,09 | 50 | 15 | | +----------+-------------+------------+--------+-----------| | |> 1200 | | | | | | |fino a | | | | | | |1800 | 2,00 | 0,11 | 75 | 15 | | +----------+-------------+------------+--------+-----------| | |> 1800 | | | | | | |fino a | | | | | | |2400 | 2,00 | 0,13 | 75 | 15 | | +----------+-------------+------------+--------+-----------| | |oltre 2400| 2,00 | 0,21 | 75 | 15 | | +----------+-------------+------------+--------+-----------+--------+ ---------------- 4 Direttiva 1999/74/CE del Consiglio, del 19 luglio 1999, che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole (GU L 203 del 3.8.1999, pag. 53). 5 Direttiva 2007/43/CE del Consiglio, del 28 giugno 2007, che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione di carne (GU L 182 del 12.7.2007, pag. 19). Tabella 8.2. Tacchini domestici Tutti i lati dell'alloggiamento devono avere una lunghezza minima di 1,5 m. Se per motivi scientifici non e' possibile garantire queste dimensioni minime, chi conduce l'esperimento deve motivare la durata del confinamento in consultazione con il personale veterinario. In tal caso, gli uccelli possono essere ospitati in alloggiamenti piu' piccoli dotati di arricchimenti adeguati e con una superficie minima al suolo di 0,75 m2 e un'altezza minima di 50 cm per gli animali al di sotto di 0,6 kg, di 75 cm per gli animali di peso inferiore a 4 kg e di 100 cm per quelli di oltre 4 kg. Alloggiamenti di questo tipo possono essere utilizzati per ospitare piccoli gruppi di uccelli, in base alle indicazioni su1lo spazio fornite nella tabella 8.2. ===================================================================== | | | | |Lunghezza |Data di | | | | | | minima | cui | | | Dimensione | | | mangia- |all'ar- | | Peso | minima | Superficie |Altezza | toia per | ticolo | | corporeo | dell'allog- | minima per | minima | uccello | 22, | | (kg) |giamento (m²) |uccello (m²)| (cm) | (cm) |comma 1 | +==========+==============+============+========+==========+========+ | | | | | | 1° | | | | | | |gennaio | |fino a 0,3| 2,00 | 0,13 | 50 | 3 | 2017 | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 0,3 fino| | | | | | |a 0,6 | 2,00 | 0,17 | 50 | 7 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 0,6 fino| | | | | | |a 1 | 2,00 | 0,30 | 100 | 15 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 1 fino a| | | | | | |4 | 2,00 | 0,35 | 100 | 15 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 4 fino a| | | | | | |8 | 2,00 | 0,40 | 100 | 15 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 8 fino a| | | | | | |12 | 2,00 | 0,50 | 150 | 20 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 12 fino | | | | | | |a 16 | 2,00 | 0,55 | 150 | 20 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |> 16 fino | | | | | | |a 20 | 2,00 | 0,60 | 150 | 20 | | +----------+--------------+------------+--------+----------| | |oltre 20 | 3,00 | 1,00 | 150 | 20 | | +----------+--------------+------------+--------+----------+--------+ Tabella 8.3. Quaglie ================================================================== | | | |Super- | | | | | | | | ficie | | | | | | |Super- | per | | | | | | | ficie | ogni | | Lun- | | | | | per |uccello| |ghezza | | | | |uccello|in piu'| |minima |Data di| | | |allog- |allog- | |mangia-| cui | | | Dimensione | giato | giato | | toia |all'ar-| | Peso | minima | in | in |Altezza| per |ticolo | | corporeo | dell'allog- |coppia |gruppo |minima |uccello| 22, | | (g) |giamento (m²)| (m²) | (m²) | (cm) | (cm) |comma 1| +==========+=============+=======+=======+=======+=======+=======+ | | | | | | | 1° | | | | | | | |gennaio| |fino a 150| 1,00 | 0,5 | 0,10 | 20 | 4 | 2017 | +----------+-------------+-------+-------+-------+-------| | |oltre 150 | 1,00 | 0,6 | 0,15 | 30 | 4 | | +----------+-------------+-------+-------+-------+-------+-------+ Tabella 8.4. Anatre e oche Se per motivi scientifici non e' possibile garantire queste dimensioni minime, chi conduce l'esperimento deve motivare la durata del confinamento in consultazione con il personale veterinario. In tal caso, gli uccelli possono essere ospitati in alloggiamenti piu' piccoli dotati di arricchimenti adeguati e con una superficie minima al suolo di 0,75 m2 . Alloggiamenti di questo tipo possono ospitare essere utilizzati per piccoli gruppi di uccelli, in base alle indicazioni sullo spazio fornite nella tabella 8.4. ===================================================================== | | | | | Lun- | | | | | | | ghezza | Data di | | | | | | minima | cui | | | Dimensione | Super- | | mangia- | all'ar- | | Peso | minima |ficie per| Altezza |toia per | ticolo | | corporeo | dell'allog- | uccello | minima | uccello |22, comma| | (g) | giamento (m²) | (m²)* | (cm) | (cm) | 1 | +===========+===============+=========+=========+=========+=========+ | | | | | | 1° | | | | | | | gennaio | |Anatre | | | | | 2017 | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |fino a 300 | 2,00 | 0,10 | 50 | 10 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |> 300 fino | | | | | | |a 1200** | 2,00 | 0,20 | 200 | 10 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |> 1200 fino| | | | | | |a 3500 | 2,00 | 0,25 | 200 | 15 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |oltre 3500| 2,00 | 0,50 | 200 | 15 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |Oche | | | | | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |fino a 500 | 2,00 | 0,20 | 200 | 10 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |> 500 fino | | | | | | |a 2000 | 2,00 | 0,33 | 200 | 15 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ |oltre 2000| 2,00 | 0,50 | 200 | 15 | | +-----------+---------------+---------+---------+---------+---------+ * Compreso uno stagno con una superficie minima di 0,5 m² ogni 2 m² di alloggiamento e una profondita' minima di 30 cm. Lo stagno puo' rappresentare fino al 50% della dimensione minima dell'alloggiamento. ** Gli uccelli che non sanno ancora volare possono essere ospitati in alloggiamenti con un'altezza minima di 75 cm. Tabella 8.5. Anatre e oche: dimensioni minime dello stagno* =========================================================== | | Superficie (m²) | Profondita' (cm) | +=============+=====================+=====================+ |Anatre | 0,5 | 30 | +-------------+---------------------+---------------------+ |Oche | 0,5 | da 10 a 030 | +-------------+---------------------+---------------------+ * Le dimensiom dello stagno sono per alloggiamenti di 2 m2 . Lo stagno puo rappresentare fino al 50% della dimensione minima dell'alloggiamento. Tabella 8.6. Piccioni Gli alloggiamenti devono essere lunghi e stretti (per esempio, 2 m x 1 m) e non quadrati, per permettere agli animali di effettuare brevi voli. ===================================================================== | | | | Lun- | Lun- | | | | | | ghezza | ghezza |Data di | | | | | minima | minima | cui | | | Dimensione | | mangia- |posatoio |all'ar- | | | minima | Altezza |toia per | per | ticolo | | Dimensione | dell'allog- | minima | uccello | uccello | 22, | | del gruppo |giamento (m²) | (cm) | (cm) | (cm) |comma 1 | +=============+==============+=========+=========+=========+========+ | | | | | | 1° | | | | | | |gennaio | |fino a 6 | 2 | 200 | 5 | 30 | 2017 | +-------------+--------------+---------+---------+---------| | |da 7 a 12 | 3 | 200 | 5 | 30 | | +-------------+--------------+---------+---------+---------| | |per ogni | | | | | | |uccello in | | | | | | |piu' oltre i | | | | | | |12 | 0,15 | | 5 | 30 | | +-------------+--------------+---------+---------+---------+--------+ Tabella 8.7. Diamante mandarino Gli alloggiamenti devono essere lunghi e stretti (per esempio, 2 m x 1 m) per permettere agli animali di effettuare brevi voli. Per gli studi sulla riproduzione, le coppie possono essere ospitate in alloggiamenti piu' piccoli dotati di arricchimenti adeguati e con una superficie minima al suolo di 0,5 m2 e un'altezza minima di 40 cm. Chi conduce l'esperimento deve motivare la durata del confinamento in consultazione con il personale veterinario. ===================================================================== | | | | | Data di | | | | | | cui | | | Dimensione | | | all'ar- | | | minima | Altezza | | ticolo | |Dimensione del | dell'allog- | minima |Numero minimo |22, comma| | gruppo | giamento (m²) | (cm) |di mangiatoie | 1 | +===============+================+=========+==============+=========+ | | | | | 1° | | | | | | gennaio | |fino a 6 | 1,0 | 100 | 2 | 2017 | +---------------+----------------+---------+--------------| | |7 fino a 12 | 1,5 | 200 | 2 | | +---------------+----------------+---------+--------------| | |13 fino a 20 | 2,0 | 200 | 3 | | +---------------+----------------+---------+--------------| | |per ogni | | | | | |uccello in piu'| | | 1 per 6 | | |oltre i 20 | 0,05 | | uccelli | | +---------------+----------------+---------+--------------+---------+ 9. Anfibi Tabella 9.1. Urodeli acquatici ===================================================================== | | | Superficie | | Data di | | | | d'acqua minima | | cui | | | |per ogni animale |Profondita' | all'ar- | | Lunghezza | Superficie | supplementare | minima | ticolo | | del corpo* | d'acqua | alloggiato in | dell'acqua |22, comma| | (cm) |minima (cm²) | gruppo (cm²) | (cm) | 1 | +============+=============+=================+============+=========+ | | | | | 1° | | | | | | gennaio | |fino a 10 | 262,5 | 50 | 13 | 2017 | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 10 fino a | | | | | |15 | 525 | 110 | 13 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 15 fino a | | | | | |20 | 875 | 200 | 15 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 20 fino a | | | | | |30 | l837,5 | 440 | 15 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |oltre 30 | 3150 | 800 | 20 | | +------------+-------------+-----------------+------------+---------+ * Misurata dal muso all'ano. Tabella 9.2. Anuri acquatici* ===================================================================== | | | Superficie | | Data di | | | | d'acqua minima | | cui | | | |per ogni animale |Profondita' | all'ar- | | Lunghezza | Superficie | supplementare | minima | ticolo | |del corpo** | d'acqua | alloggiato in | dell'acqua |22, comma| | (cm) |minima (cm²) | gruppo (cm²) | (cm) | 1 | +============+=============+=================+============+=========+ | | | | | 1° | |inferiore a | | | | gennaio | |6 | 160 | 40 | 6 | 2017 | +------------+-------------+-----------------+------------| | |da 6 a 9 | 300 | 75 | 8 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 9 fino a | | | | | |12 | 600 | 150 | 10 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |oltre 12 | 920 | 230 | 12,5 | | +------------+-------------+-----------------+------------+---------+ * Queste condizioni si riferiscono alle vasche dove vengono tenuti gli animali (ad es. per l'allevamento), ma non a quelle utilizzate per l'accoppiamento naturale e la superovulazione per motivi di efficienza, perche' per queste ultime procedure servono vasche individuali piu' piccole. Le indicazioni riguardanti lo spazio si riferiscono agli adulti nelle categorie di dimensioni indicate; occorre escludere gli individui giovani e i girini o altrimenti modificare le dimensioni secondo un principio di gradualita'. ** Misurata dal muso all'ano. Tabella 9.3. Anuri semiacquatici ===================================================================== | | | Superficie | | |Data di| | |Dimensione | minima per | Altezza | | cui | | | minima |ogni animale | minima |Profondita'|all'ar-| |Lunghezza|dell'allog-|supplementare|dell'allog-| minima |ticolo | | del |giamento **|alloggiato in| giamento |dell'acqua | 22, | | corpo* | (cm²) |gruppo (cm²) | *** (cm) | (cm) |comma 1| +=========+===========+=============+===========+===========+=======+ | | | | | | 1° | |fino a | | | | |gennaio| |5,0 | 1500 | 200 | 20 | 10 | 2017 | +---------+-----------+-------------+-----------+-----------| | |> 5,0 | | | | | | |fino a | | | | | | |7,5 | 3500 | 500 | 30 | 10 | | +---------+-----------+-------------+-----------+-----------| | |oltre 7,5| 4000 | 700 | 30 | 15 | | +---------+-----------+-------------+-----------+-----------+-------+ * Misurata dal muso all'ano. ** Un terzo di parte terrestre e due terzi di parte acquatica, sufficiente agli animali per immergersi. *** Misurata dalla superficie della parte terrestre fino alla parte interna della sommita' del terrario; l'altezza dell'alloggiamento deve inoltre essere adattata alla struttura interna. Tabella 9.4. Anuri semi-terricoli ===================================================================== | | | Superficie | | |Data di| | |Dimensione | minima per | Altezza | | cui | |Lunghezza| minima |ogni animale | minima |Profondita'|all'ar-| | del |dell'allog-|supplementare|dell'allog-| minima |ticolo | | corpo* |giamento **|alloggiato in| giamento |dell'acqua | 22, | | (cm) | (cm²) |gruppo (cm²) | *** (cm) | (cm) |comma 1| +=========+===========+=============+===========+===========+=======+ | | | | | | 1° | |fino a | | | | |gennaio| |5,0 | 1500 | 200 | 20 | 10 | 2017 | +---------+-----------+-------------+-----------+-----------| | |> 5,0 | | | | | | |fino a | | | | | | |7,5 | 3500 | 500 | 30 | 10 | | +---------+-----------+-------------+-----------+-----------| | |oltre 7,5| 4000 | 700 | 30 | 15 | | +---------+-----------+-------------+-----------+-----------+-------+ * Misurata dal muso all'ano. ** Due terzi di parte terrestre e un terzo di acquatica, sufficiente agli animali per immergersi. *** Misurata dalla superficie della parte terrestre fino alla parte interna della sommita' del terrario; l'altezza dell'alloggiamento deve inoltre essere adattata alla struttura interna. Tabella 9.5. Anuri arboricoli ===================================================================== | | | Superficie | |Data di | | | Dimensione |minima per ogni | Altezza | cui | | | minima | animale | minima |all'ar- | | Lunghezza | dell'allog- | supplementare | dell'allog- | ticolo | | del corpo* | giamento ** | alloggiato in |giamento *** | 22, | | (cm) | (cm²) | gruppo (cm²) | (cm) |comma 1 | +============+==============+================+=============+========+ | | | | | 1° | | | | | |gennaio | |fino a 3,0 | 900 | 100 | 30 | 2017 | +------------+--------------+----------------+-------------| | |oltre 3,0 | 1500 | 200 | 30 | | +------------+--------------+----------------+-------------+--------+ * Misurata dal muso all'ano. ** Due terzi di parte terrestre e un terzo di parte acquatica, sufficiente agli animali per immergersi. *** Misurata dalla superficie della parte terrestre fino alla parte interna della sommita' del terrario; l'altezza dell'alloggiamento deve inoltre essere adattata alla struttura interna. 10. Rettili Tabella 10.1. Chelonidi acquatici ===================================================================== | | | Superficie | | Data di | | | | d'acqua minima | | cui | | | |per ogni animale |Profondita' | all'ar- | | Lunghezza | Superficie | supplementare | minima | ticolo | | del corpo* | d'acqua | alloggiato in | dell'acqua |22, comma| | (cm) |minima (cm²) | gruppo (cm²) | (cm) | 1 | +============+=============+=================+============+=========+ | | | | | 1° | | | | | | gennaio | |fino a 5 | 600 | 100 | 10 | 2017 | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 5 fino a | | | | | |10 | 1600 | 300 | 15 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 10 fino a | | | | | |15 | 3500 | 600 | 20 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 15 fino a | | | | | |20 | 6000 | 1200 | 30 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |> 20 fino a | | | | | |30 | 10000 | 2000 | 35 | | +------------+-------------+-----------------+------------| | |oltre 30 | 20000 | 5000 | 40 | | +------------+-------------+-----------------+------------+---------+ * Misurata in linea retta dal bordo anteriore al bordo posteriore della corazza. Tabella 10.2. Serpenti terricoli ===================================================================== | | | | |Data di | | | |Superficie minima| | cui | | | |per ogni animale | Altezza |all'ar- | | Lunghezza | Superficie | supplementare | minima | ticolo | | del corpo* | minima al | alloggiato in | dell'allog- | 22, | | (cm) | suolo (cm²) | gruppo (cm²) |giamento*(cm)|comma 1 | +============+=============+=================+=============+========+ | | | | | 1° | | | | | |gennaio | |fino a 30 | 300 | 150 | 10 | 2017 | +------------+-------------+-----------------+-------------| | |> 30 fino a | | | | | |40 | 400 | 200 | 12 | | +------------+-------------+-----------------+-------------| | |> 40 fino a | | | | | |50 | 600 | 300 | 15 | | +------------+-------------+-----------------+-------------| | |> 50 fino a | | | | | |75 | 1200 | 600 | 20 | | +------------+-------------+-----------------+-------------| | |oltre 75 | 2500 | 1200 | 28 | | +------------+-------------+-----------------+-------------+--------+ * Misurata dal muso alla coda. ** Misurata dalla superficie della parte terrestre fino alla parte interna della sommita' del terrario; l'altezza dell'alloggiamento deve inoltre essere adattata alla struttura interna. 11. Pesci 11.1. Fornitura e qualita' dell'acqua E' necessario fornire continuamente acqua a sufficienza e di qualita' adeguata. Il flusso d'acqua nei sistemi di ricircolo o il filtraggio all'interno delle vasche deve essere sufficiente e garantire che i parametri di qualita' dell'acqua siano mantenuti a livelli soddisfacenti. Se necessario, l'acqua deve essere filtrata o trattata per eliminare le sostanze che possano nuocere ai pesci. I parametri di qualita' dell'acqua devono rimanere sempre entro intervalli accettabili che permettano lo svolgimento dell'attivita' normale e sostengano la fisiologia di una specie e di una fase di sviluppo determinate. Il flusso d'acqua deve permettere ai pesci di nuotare correttamente e di mantenere un comportamento normale. Deve essere previsto il tempo necessario per l'acclimatazione e l'adattamento dei pesci ai cambiamenti nella qualita' dell'acqua. 11.2. Ossigeno, composti azotati, pH e salinita' La concentrazione di ossigeno deve essere appropriata alle specie interessate e al contesto nel quale vivono. Se necessario, deve essere fornita un'aerazione supplementare dell'acqua della vasca. Le concentrazioni di composti azotati devono essere mantenute a un livello basso. Il pH deve essere adattato alle specie e mantenuto il piu' possibile stabile. La salinita' deve essere adattata alle esigenze della specie ittica e alla fase di sviluppo degli animali. Le modifiche alla salinita' devono essere introdotte gradualmente. 11.3. Temperatura, illuminazione, rumore La temperatura va mantenuta entro l'intervallo ottimale per la specie interessata e mantenuta il piu' possibile stabile. Le modifiche alla temperatura devono essere introdotte gradualmente. Occorre prevedere un fotoperiodo adeguato ai pesci. I livelli di rumore devono essere mantenuti al minimo e, se possibile, le apparecchiature che causano rumore o vibrazioni, come i generatori o i sistemi di filtraggio, devono essere separate dalle vasche dei pesci. 11.4. Densita' di popolamento e complessita' ambientale La densita' di popolamento deve essere determinata in base alle esigenze complessive dei pesci rispetto a condizioni ambientali, salute e benessere. I pesci devono avere a disposizione un volume d'acqua sufficiente per poter nuotare normalmente tenuto conto della dimensione, dell'eta', dello stato di salute e dei metodi di nutrimento. Deve essere previsto per i pesci un adeguato arricchimento ambientale, ad esempio nascondigli o substrati, a meno che in base ai tratti comportamentali dei pesci non risulti necessario. 11.5. Alimentazione e manipolazione L'alimentazione deve corrispondere alle esigenze dei pesci, che devono essere nutriti ad una velocita' e ad una frequenza adeguate. Occorre prestare particolare attenzione all'alimentazione delle larve, quando si passi da alimenti naturali ad alimenti artificiali. Le operazioni di manipolazione dei pesci sono ridotte al minimo.
Articoli:
Torna su