vai al Contenuto

Portale Norme & Concorsi Salute

Numero Atti:61257
Ultima Gazzetta Ufficiale del: 16 marzo 2019 Ultima Modifica: 20 marzo 2019
servizio rss

Dettaglio atto

Ministero della Sanità

Decreto 15 dicembre 1994

Modificazioni all'elenco delle patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali e proroga della sua validita'.

(G.U. Serie Generale , n. 57 del 09 marzo 1995)

									
IL MINISTRO DELLA SANITA' Visti i propri decreti in data 12 agosto 1992 e in data 27 aprile 1993 con i quali, in attuazione del comma 4 dell'art. 16 della legge 30 dicembre 1991, n. 412, sono state identificate le patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali (Gazzetta Ufficiale n. 193 del 18 agosto 1992 e n. 102 del 4 maggio 1993); Considerato che, ai sensi del comma 2 dell'art. 1 del richiamato decreto del 12 agosto 1992, si doveva procedere, entro il 30 giugno 1994, alla revisione dell'elenco di dette patologie sulla base dei risultati degli studi scientifici controllati effettuati dagli stabilimenti termali; Considerato che non sono disponibili i predetti elementi di valutazione a causa della pratica impossibilita' per gli stabilimenti termali di realizzare gli studi scientifici controllati, anche per la mancanza di linee guida; Considerato che il Consiglio superiore di sanita', sezioni seconda e terza, nella seduta del 16 novembre 1994, ha confermato che l'elenco delle patologie deve derivare dalle sperimentazioni effettuate dagli stabilimenti termali interessati ed ha proposto di fissare il termine finale per la sperimentazione al 1 gennaio 1998; Considerato che, al fine di poter procedere alla valutazione di efficacia della terapia termale, il Consiglio, nella stessa seduta, ha proposto alcune specifiche linee guida; Ritenuto di conformarsi ai predetti orientamenti del Consiglio; Viste le proposte di revisione dell'elenco di cui all'art. 1 del decreto 12 agosto 1992 come integrato con decreto 27 aprile 1993, formulate dal Consiglio superiore di sanita', sezioni seconda e terza, nella seduta del 19 ottobre 1994; Ritenuto, che ogni determinazione al riguardo debba derivare dagli studi clinici conformemente a quanto prospettato in generale dallo stesso Consiglio superiore nel richiamato parere del 16 novembre 1994; Ritenuto, conseguentemente, di subordinare la decisione sulle malattie dell'apparato gastroenterico ai risultati degli studi clinici; Ritenuto, peraltro, di accogliere alcune proposte di modifica in ragione della loro limitata rilevanza; Ritenuta l'opportunita' di procedere al 31 dicembre 1996 alla verifica dello stato di attuazione degli studi clinici anche per evitare che, alla scadenza del termine del 1 gennaio 1998, si riproponga l'attuale situazione; Decreta: Art. 1. 1. L'elenco delle patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali, allegato al decreto ministeriale 12 agosto 1992 ed integrato con decreto ministeriale 27 aprile 1993, e' modificato come da allegato al presente decreto. 2. L'elenco di cui al comma precedente ha validita' fino al 1 gennaio 1998.
                               Art. 2.
  1. Gli stabilimenti termali, che erogano prestazioni termali per le
patologie di cui all'allegato elenco, sono tenuti ad effettuare studi
per la valutazione di efficacia della terapia  termale  nel  rispetto
delle sottoindicate linee guida:
    a)   studi   clinici   controllati   propriamente  detti,  quando
possibili, atti a dimostrare l'azione biologica e l'efficacia clinica
delle cure termali in gruppi di pazienti randomizzati  o  bilanciati,
con end points di carattere clinico purche' quantificabili, oppure di
carattere  strumentale  (end  points  surrogati)  purche'  di  chiaro
significato fisiopatologico nella specifica malattia e correlati  con
l'andamento di questa;
    b)     studi     osservazionali     longitudinali     di     tipo
clinico-epidemiologico atti a descrivere  il  decorso  a  medio-lungo
termine  dei  pazienti sottoposti a terapia termale con gli obiettivi
di  documentare  l'andamento  nel  tempo  dei  sintomi  soggettivi  e
oggettivi,   del  numero  e  della  gravita'  delle  recidive,  delle
modificazioni nella richiesta e nel consumo di farmaci, del ricorso a
degenza e del numero di giornate di assenza dal lavoro.  Tali  studi,
tra  l'altro,  potranno  fornire  materiale utile ad una indagine sul
rapporto costi-benefici della terapia termale;
    c)  eventuali  altri  studi  e  ricerche  di   iniziativa   degli
stabilimenti   termali  che  utilizzino  diversi  modelli  clinici  o
sperimentali,  che  verranno  anch'essi  valutati  nel  contesto  del
materiale di studio prodotto.
  2.  Il  Ministero  della  sanita',  previa  verifica dello stato di
attuazione degli studi in corso al 31 dicembre 1996 procede, entro il
1 gennaio 1998, alla revisione dell'elenco sulla base  dei  risultati
degli studi effettuati.
  Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
   Roma, 15 dicembre 1994
                                                   Il Ministro: COSTA
 Registrato alla Corte dei conti l'8 febbraio 1995
Registro n. 1 Sanita', foglio n. 29
             ELENCO DELLE PATOLOGIE CHE POSSONO TROVARE
                 REALE BENEFICIO DALLE CURE TERMALI
  Malattie reumatiche:
    osteoartrosi ed altre forme degenerative;
    reumatismi extra articolari.
   Malattie delle vie respiratorie:
    sindromi rinosinusitiche-bronchiali croniche;
    bronchiti  croniche  semplici   o   accompagnate   a   componente
ostruttiva   (con  esclusione  dell'asma  e  dell'enfisema  avanzato,
complicato da insufficienza respiratoria grave o da  cuore  polmonare
cronico).
   Malattie dermatologiche:
    psoriasi (esclusa la forma pustolosa, eritrodermica);
    eczema e dermatite atopica (escluse le forme acute vescicolari ed
essudative);
    dermatite seborroica ricorrente.
   Malattie ginecologiche:
    sclerosi dolorosa del connettivo pelvico di natura cicatriziale e
involutiva;
    leucorrea   persistente   da   vaginiti  croniche  aspecifiche  o
distrofiche.
   Malattie O.R.L.:
    rinopatia vasomotoria;
    faringolaringiti croniche;
    sinusiti croniche;
    stenosi tubariche;
    otiti carattali croniche;
    otiti croniche purulente non colesteatomatose.
   Malattie dell'apparato urinario:
    calcolosi delle vie urinarie e sue recidive.
   Malattie vascolari:
    postumi di flebopatie di tipo cronico.
   Malattie dell'apparato gastroenterico:
    dispepsia di origine gastroenterica e biliare;
    sindrome dell'intestino irritabile nella varieta' con stipsi.
Torna su